Mostre

Da Duchamp a Cattelan. Sul Palatino l’arte contemporanea dialoga con l’archeologia

Data fine: Domenica 29 Ottobre 2017

Attraverso oltre 100 opere tra installazioni, sculture, dipinti e fotografie realizzati da diversi artisti, la mostra affronta la relazione tra antico e contemporaneo invitando a riflettere sulla memoria, sul senso del tempo e della permanenza.

Accanto alle opere di maestri riconosciuti come Marina Abramović, Gino De Dominicis, Marcel Duchamp, Gilbert & George, Joseph Kosuth, Barbara Kruger, Richard Long, Allan McCollum, Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Remo Salvadori, Mario Schifano, Mauro Staccioli, sono proposti i lavori realizzati da alcuni tra i più significativi esponenti delle ultime generazioni quali Mario Airò, Maurizio Cattelan, Anya Gallaccio, Cai Guo-Qiang, Claudia Losi, Paul McCarthy, Sisley Xhafa, Vedovamazzei e Luca Vitone.

Esposti anche alcuni lavori realizzata da designer e architetti come Ugo La Pietra, Gianni Pettena e Denis Santachiara.

All’interno dello Stadio Palatino e del peristilio inferiore della Domus Augustana, con le terrazze e le Arcate Severiane, la mostra articola le sue tematiche essenziali: le Installazioni architettoniche in situ, efficace accostamento tra archeologia e arte contemporanea; le Mani, disegnate, fotografate, dipinte, scolpite, simbolo comunicativo e forza creatrice; i Ritratti, traccia identitaria per eccellenza e genere artistico dove gli antichi romani hanno primeggiato.

Area archeologica del Palatino
Via di San Gregorio, 30
www.electa.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.